Video tutorial realizzati da persone con disabilità per spiegare il fai-da-te: è il nuovo progetto di Leroy Merlin, con il supporto della società benefit (RI)GENERIAMO, nell’ambito del suo impegno sul tema della diversità e inclusione. Il progetto è stato presentato ufficialmente il 19 novembre nel webinar che Leroy Merlin e (RI)GENERIAMO hanno organizzato durante “4 weeks 4 inclusion”. Per saperne di più abbiamo chiesto a Caterina Nincevich, Community, Events, and Influencer Marketing Manager Leroy Merlin Italia.

Com’è nata l’idea del progetto?

Sono due gli elementi principali che si sono combinati in questo progetto. Da un lato c’è il ruolo di (RI)GENERIAMO, che è proprio quello di essere un hub di innovazione sui temi della responsabilità sociale, della sostenibilità e dell’innovazione sociale, a cui Leroy Merlin spesso guarda per progetti in tali ambiti. Dall’altro, c’era l’occasione rappresentata dall’evento #4W4I, una maratona dedicata alla diversità e all’inclusione, un evento digitale con un vasto e ricco palinsesto che ha coinvolto tantissime aziende importanti (189 eventi, più di 200 aziende, ndr), a cui anche Leroy Merlin e (RI)GENERIAMO hanno partecipato. Ecco, la nostra intenzione era lavorare, in vista dell’evento, a una sorta di prosecuzione del progetto di (RI)GENERIAMO de I FormidAbili, a cui ci siamo ispirati, per puntare l’attenzione sulle tante, interessanti competenze che le persone con disabilità possono offrire.

Di quali competenze si tratta in particolare?

Penso ad esempio al bricolage, all’abbellire la casa, al migliorarla, che poi è la mission di Leroy Merlin. Competenze assolutamente funzionali al raggiungimento dell’obiettivo di offrire ai nostri clienti, alla community costituita dai nostri appassionati, dei contenuti di valore. Avevamo avuto l’occasione di vedere alcuni video di do-it-yourself realizzati dai ragazzi con cui lavora la Cooperativa sociale Il Margine di Torino, attiva nell’ambito della disabilità e della promozione della cultura della diversità, con la quale siamo entrati in contatto tramite (RI)GENERIAMO. Abbiamo allora deciso di lavorare con la cooperativa alla realizzazione di corsi sul fai-da-te, attraverso i quali dare ai nostri clienti anche delle idee nuove.

Di cosa parlano i video tutorial?

I video si chiamano Tutorials for Change e saranno disponibili sul canale Youtube di Leroy Merlin a partire dal prossimo 30 novembre (il video di lancio del progetto si può vedere a questo indirizzo). Riguardano progetti di do-it-yourself per decorare la casa nelle feste di Natale, realizzando oggetti decorativi: l’albero in legno, il calendario dell’Avvento, la ghirlanda, i pacchetti per i regali. Naturalmente abbiamo cercato di caratterizzare la presentazione rispetto alla nostra mission, com’era nello spirito un po’ di tutti gli eventi di 4W4I. Il che vuol dire inquadrarla all’interno del nostro approccio al tema della diversità e inclusione, che è quello del fare, del trasferimento delle competenze, del mettere in condizione chiunque di migliorare le propria casa. E, anche, in linea con la filosofia di Leroy Merlin di operare come piattaforma per la costruzione di relazioni, per cercare all’esterno e costruire insieme del valore da portare ai nostri clienti. In questo caso, si è trattato di mostrare come si può imparare il fai-da-te da persone diversamente abili. Con corsi, come quelli che avevamo in mente, che siano belli, interessanti, ingaggianti, che facciano cioè venire la voglia di fare, per prendersi cura della propria casa. È la ricchezza che abbiamo visto in queste persone ci ha convinto a lavorare e investire sul progetto.

Come si fa a intercettare, a “svelare” il valore che le persone con disabilità possono dare alla collettività, troppo spesso non visto e quindi scartato?

Credo ci voglia soprattutto un po’ di intuito. È chiaro che è indispensabile che esistano realtà come (RI)GENERIAMO e Il Margine che permettono, a persone che per i più svariati motivi non hanno contatti e conoscenza diretti del mondo della disabilità e più in generale dell’emarginazione, di avvicinarsi, entrare invece in relazione, scoprire quel mondo. Guardando i video realizzati da Il Margine, ho subito notato come fossero più divertenti, spontanei, coinvolgenti, emozionanti, umani, in una parola più veri, di altri che siamo abituati a vedere. Noi normodotati di solito di fronte a una telecamera tendiamo a irrigidirci, a metterci una maschera, insomma a schermarci. In queste persone, invece, si nota subito una capacità empatica maggiore, una carica emotiva e una sensibilità maggiori, anche una superiore predisposizione al divertimento e all’intrattenimento. Riescono cioè più facilmente e immediatamente a entrare in relazione, a toccare l’anima di chi li guarda. Più che un’abilità diversa, in questo caso si può senz’altro dire che possiedano un’abilità superiore.

Posted by:rigeneriamoit

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...